«

»

Giu 09

Stampa Articolo

Imu agricola: scade il 16 giugno, gli agricoltori chiedono la cancellazione

Pubblichiamo da Greenbiz (leggi articolo originale)

Imu agricola, il pagamento dell’acconto è previsto per il prossimo 16 giugno. In questa data sono fissati anche il pagamento dell’Imu sulla seconda casa e quello della Tasi sulla prima e seconda abitazione.

Chi dovrà pagare l’Imu agricola? Il decreto legge 4/2015 ha definito i nuovi criteri per l’esenzione dall’Imu agricola. Non dovranno pagare l’Imu agricola i comuni definiti come montani sulla base dei criteri Istat.

E’ inoltre prevista una detrazione di 200 euro per i comuni definiti svantaggiati, ove siano ubicati dei terreni agricoli. Bisogna tenere conto che la detrazione riguarda soltanto i coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli professionali iscritti alla previdenza agricola.

La detrazione riguarda anche i terreni agricoli concessi in affitto o in comodato d’uso a coltivatori diretti o a imprenditori agricoli professionali. Se il terreno ha più proprietari, la detrazione riguarderà ognuno in modo proporzionale alla quota di proprietà dei terreni.

Vi è poi il caso dei terreni parzialmente delimitati, cioè di quei terreni che rientrano solo in parte nelle zone svantaggiate. In questo caso le detrazioni riguarderanno soltanto le porzioni di terreno incluse proprio in queste aree definite svantaggiate secondo i criteri per il calcolo dell’Imu agricola.

Il pagamento dell’Imu agricola è alle porte, ma le proteste degli agricoltori non si placano, a partire dalle recenti dichiarazioni del premier Renzi in proposito: “L’Imu sui terreni è stato un grave errore che va cambiato in prima possibile”.

In particolare questa mattina gli agricoltori di Altragricoltura si sono riuniti nell’azienda agricola Di Grottole, a contrada Marinella, fra Marina di Ginosa e Metaponto, per raccogliere il prodotto frutto del lavoro di un intera stagione agraria e rimasto invenduto o senza prezzo.

Per questa occasione hanno organizzato un volantinaggio per sensibilizzare i cittadini sugli obiettivi della mobilitazione di agricoltori, cittadini, associazioni, sindaci per chiedere il ritiro del provvedimento sull’Imu agricola.

Gli agricoltori hanno dato vita ad una petizione in cui si chiede di aprire un confronto sulla base della richiesta avanzata dai 32 sindaci e dal movimento ‘Riscatto’ e nel frattempo di sospendere la rata del pagamento in scadenza del 16 giugno 2015. Viene lanciata oggi la petizione nazionale che da domani ha l’obiettivo di raccogliere decine di migliaia di firme in tutta Italia entro il prossimo 16 giugno.

Marta Albè

Permalink link a questo articolo: http://riscatto.info/argomenti/noimu/imu-agricola-scade-il-16-giugno-gli-agricoltori-chiedono-la-cancellazione/

1 comment

  1. francesco

    mai arrendersi; uniti, si vince

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *