«

»

Ott 04

Stampa Articolo

Marcia per il Riscatto delle Comunità Rurali. Si è appena conclusa la riunione al comune di Decimoputzu. Conferenza stampa ore 11 del 5 ottobre.

Comunicato stampa, ore 19

Comune di Decimoputzu

Comune di Decimoputzu

“Il Comune di Decimoputzu è il primo comune della Sardegna ad aderire alla Rete dei Municipi Rurali” questa la decisione annunciata dal Sindaco Ferruccio Collu e dall’Assessore all’agricoltura Stefano Piras, di agricoltori del territorio, di Riccardo Piras di Altragricoltura Sardegna, dei rappresentanti dell’Associazione Consumatori Sardegna e del team di 5 persone componenti la Marcia per il Riscatto delle Comunità Rurali, guidata da Gianni Fabbris.
La Rete dei Municipi Rurali (nata nei mesi scorsi durante le mobilitazioni contro l’IMU agricola), associa Comuni, Associazioni e cittadini per difendere e tutelare le comunità rurali e quanti vivono e lavoro nel rapporto con la terra mettendo in rete le esperienze dei diversi comuni e conducendo campagne ed iniziative di sensibilizzazione.
Prima campagna su cui la rete si è impegnata è quella contro l’IMU agricola e per chiedere con forza misure e riforme di tutela del comparto produttivo agricolo.
Con questi due obiettivi è stata indetta a Roma per il 31 ottobre prossimo una manifestazione nazionale dal titolo “NoIMU – Te lo do io il Made in Italy”.
12079444_1215999291749362_1534688213420994049_nNel presentare la manifestazione e il percorso di oltre seimila chilometri che i cinque componenti il movimento Riscatto stanno conducendo per promuoverla, Gianni Fabbris (coordinatore del Movimento) ha spiegato: “Il 31 ottobre è una data importante da tre punti di vista:
cade il giorno dopo la scadenza della proroga del pagamento della rata di acconto sull’IMU che il movimento con la sua vertenza ha ottenuto in attesa che la tassa venga cancellata, viene mentre il Parlamento starà discutendo i provvedimenti finanziari di fine anno e, dunque, sarà il momento giusto per rimediare al pasticcio vergognoso fatto con l’IMU agricola dal Governo, infine è il giorno della chiusura a Milano di Expo 2015″.
Francesco Mastromarco (agricoltore ventisettenne di Gravina in Puglia, uno dei componenti la Marcia) ne spiega il senso durante la riunione:”EXPO avrà celebrato con grande dispendio di risorse l’agricoltura che sfama il mondo, noi il 31 di ottobre nella manifestazione a Roma porteremo tutta la nostra indignazione gridando forte che i nostri agricoltori e i nostri braccianti non riescono più a dare il cibo ai nostri cittadini, sommersi come siamo dalla crisi e da un’agroalimentare dell’esportazione senza il nostro lavoro”.
Lo stesso Comune di Decimpoputzu, il cui sindaco aveva partecipato a Maggio con la fascia tricolore al consiglio comunale aperto davanti a Montecitorio convocato dal Comune di Gravina in Puglia in cui è stata adottata la piattaforma contro l’IMU agricola, ha annunciato la partecipazione alla manifestazione del 31.
La riunione ha convenuto che il Comune di Decimoputzu, sarà il primo referente per la Sardegna della Rete dei Municipio Rurali e che da domattina verrà inviata una lettera congiunta a firma del Sindaco di Decimoputzu, del Presidente della Rete dei Municipi Rurali e del Coordinatore del Movimento Riscatto a tutti gli altri sindaci della Sardegna colpiti dall’IMU per invitarli a partecipare alla mobilitazione
del 31 ottobre e ad aderire alla Rete Nazionale dei Municipi Rurali.
Alle ore 11 del 5 ottobre 2015 è convocata una Conferenza stampa congiunta Comune di Decimoputzu e Movimento Riscatto per divulgare la lettera ai sindaci sardi e il programma delle iniziative.
La stampa e le associazioni sono invitate

Permalink link a questo articolo: http://riscatto.info/argomenti/noimu/marcia-per-il-riscatto-delle-comunita-rurali-si-e-appena-conclusa-la-riunione-al-comune-di-decimoputzu-conferenza-stampa-ore-11-del-5-ottobre/

3 comments

  1. Alfonso D'Alessandro

    Se la coperture allla cancellazione dell’IMU AGRICOLA dovessero ricadere sul mondo agricolo (ad esempio con la eliminazione della agevolazione sul prezzo del gasolio) a farne le spese saranno TUTTI GLI AGRICOLTORI, non solo quelli che AL MOMENTO sono interessati al pagamento dell’imu.
    Per cui il 31 ottobre saremo TUTTI a Roma.
    Sù la testa
    Quando …….. se non ora?????

  2. Alfonso D'Alessandro

    Giuseppe Ingrassia, Fiorenza Tarenzi, Fausto Fogliati ed altri sostengono su Twitter (7 ottobre) che “eliminazione IMU AGRICOLA” è vero sostegno ad agricoltura.
    Ma che razza di discorsi son questi?!?!
    Dovrebbero dire, invece, che il governo ha cercato di colpire a morte l’agricoltura ma non ci è riuscito perché il popolo del RISCATTO ha “alzato la testa” ed ora cerca di mettere toppe al delinquenziale provvedimento.
    Sia chiaro a chi di competenza che l’ imu agricola:
    deve essere cancellata per il futuro
    non deve essere richiesta per il 2015
    deve essere restituita agli agricoltori che l’hanno pagata per il 2014

  3. romafras

    La Beffa. Anche L’IMU agricola 2016 sara’ tolta solo ai coltivatori diretti, IAP e societa’ agricole indipendentemente se montani, non montani o pianeggianti. Per i pensionati ed altri sembra che rimanga. E’ vero ? Se fosse cosi’ “Abolizione di IMU su tutti i terreni agricoli” e’ un falso. Solo per alcuni……..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *