«

»

Mag 02

Stampa Articolo

Grano: c’è poco da protestare e molto per cui impegnarsi e lottare!

MOVIMENTO RISCATTO
RETE DEI MUNICIPI RURALI

Crisi del grano: c’è poco da protestare e molto per cui impegnarsi e lottare!
Mentre il prezzo del grano al campo torna a scendere sotto livelli inaccettabili e provocatori, i Cerealicoltori preparano la risposta rafforzando la mobilitazione con il Forum in Difesa del Grano.
Il Forum è l’occasione per mettere in campo gli strumenti e le proposte per incidere concretamente nella crisi superando i limiti della protesta, dei proclami e delle denunce e alzando l’asse degli obiettivi su cui lottare.

Per problemi tecnici ed organizzativi e per permettere una più larga partecipazione anche a delegazioni e presenze che arrivano da diverse regioni del Nord e del Sud e da fuori Italia, è stata spostata di una settimana la data della due giorni in Difesa del Grano che si terrà fra Matera ed Altamura fra il 12 e il 13 maggio.
Intanto è in discussione nei gruppi di lavoro, in rete e in 5 iniziative preparatorie il documento che fissa gli obiettivi per il Forum. Il titolo provvisorio è già fortemente indicativo di come il movimento dei cerealicoltori sta sviluppando il proprio lavoro: “Crisi del grano: c’è poco da protestare e molto per cui impegnarsi e lottare”.
“Con questo titolo” spiega Gianni Fabbris coordinatore del Forum in Difesa del Grano “il movimento dei cerealicoltori sorto negli ultimi due anni nell’area fra la Puglia e la Basilicata ed estesosi in diverse altre regioni italiane a vocazione cerealicola, lancia un messaggio chiaro e forte: l’intreccio della crisi economica dei cerealicoltori, quella sociale e ambientale dei territori e delle comunità cerealicole e quella di sicurezza alimentare per tutti i cittadini è il prodotto di un modello di produzione, trasformazione, distribuzione e consumo del grano che sta fallendo ogni giorno di più. Le responsabilità di questa crisi sono diffuse e larghe e stanno nelle scelte di un modello agroalimentare che condanna l’Italia a trasformarsi da luogo della produzione agricola a piattaforma commerciale agroalimentare dove il Made in Italy diventa troppo spesso il tappeto sotto cui nascondere la spazzatura con marchi speculativi che fanno sempre più a meno della nostra materia prima giovandosi, al contrario, del vantaggio competitivo della storia millenaria del lavoro della terra e delle culture culinarie popolari. Diverse sono le responsabilità per questa crisi del grano come di tutta la nostra agricoltura. Fra queste certamente quelle della politica che ha spinto la trasformazione con regole e leggi che rafforzano la speculazione e l’abbandono della terra, quelle delle istituzioni incapaci di attuare processi positivi e garantire controlli che pure le norme ancora in parte consentono, quelle dei diversi soggetti della filiera (sementieri, trasformatori, commercianti) troppo spesso attenti alle dinamiche speculative e finanziarie piuttosto che alla qualità ed alla sicurezza dei processi, quelle di una ricerca sempre meno indipendente e sensibile ai finanziamenti interessati dell’industria. A questo quadro di responsabilità non sfuggono quelle degli agricoltori e dei consumatori che devono tornare ad assumere piena consapevolezza di quanto sia importante la qualità delle nostre produzioni, la grande responsabilità del modo in cui produciamo e la necessità di essere pienamente informati per scegliere cosa e come consumare”.
Si legge nei documenti preparatori del forum: “Di fronte a questa crisi non serve semplicemente la protesta contro questo o quello e non basta indicare e denunciare semplicisticamente il nemico in uno scaricabarile continuo di responsabilità. Ai cittadini non si può solo (ed a volte irresponsabilmente) gridare la denuncia, serve indicare le alternative e le soluzioni. In una fase in cui (ormai) è sufficientemente chiaro ai cittadini quali sono i rischi per la sicurezza alimentare e per l’abbandono della terra, il movimento degli agricoltori che resiste alla crisi ha per primo la responsabilità grande di passare dalla denuncia alla proposta”.
Il Movimento Riscatto, che per primo e con forza il 4 febbraio 2016 ha denunciato la natura della crisi, con il Forum per la Difesa del Grano del 2017 è impegnato a lavorare proprio per indicare, offrire e organizzare le alternative assumendo la responsabilità che compete agli agricoltori e chiamando all’alleanza quanti (ricercatori, consumatori, trasformatori, commercianti, cittadini, ecc..) vorranno coinvolgersi nello sforzo.
Con la due giorni di mobilitazione fra il 12 e il 13 maggio, il Movimento Riscatto e la Rete dei Municipi Rurali fissano 4 obiettivi: scrivere e sottoscrivere un documento su cui stringere l’alleanza con dieci principi etici su come si produce, si trasforma, si commercializza e si consuma il grano (la “Carta in Difesa del Grano”), dare vita ad una rete di progetti e iniziative comuni in difesa del grano con la Rete dei Municipi Rurali, costruire un pacchetto di proposte e richieste alla “politica” (Europea, Nazionale e regionale) su cui alzare il livello della mobilitazione e della vertenza nei prossimi mesi per avere controlli e regole trasparenti e non speculative che garantiscano il reddito ai produttori e il diritto ad un cibo sano ed a prezzi giusti per i consumatori, avviare una campagna di informazione e controinformazione nazionale sul grano che renda consapevoli i cittadini e offra loro strumenti per poter scegliere oltre la semplice denuncia e le campagne confuse e terroristiche.
La due giorni di mobilitazione si articola in tre momenti: un seminario di lavoro a Matera (2 plenarie e 4 workshops preceduti da una fase di discussione già in corso in rete), una corteo contro il calo del prezzo del grano al campo fra Matera e Altamura e una manifestazione nel Teatro Mercadante di Altamura in cui presenteremo le proposte e le iniziative.

Per preparare la discussione e promuovere la partecipazione, fra l’altro, è previsto un fitto calendario di incontri territoriali secondo questo calendario:
– 2 maggio 2017 ore 18 Incontro nella Sala Consigliare del Comune di Craco
– 4 maggio 2017 ore 18 Incontro nella Sala del Comune di Irsina
– 6 maggio 2017 ore 18 Incontro all’Abbazia di Montescaglioso
– 8 maggio 2017 ore 17.30 Incontro al Palazzo Ducale di Venosa
– 10 maggio 2017 ore 17 Incontro nella Sala Consigliare del Comune di Gravina in Puglia
la stampa è invitata

Permalink link a questo articolo: http://riscatto.info/regioni/basilicata/riscatto/grano-ce-poco-da-protestare-e-molto-per-cui-impegnarsi-e-lottare/

1 comment

  1. Alfonso D'Alessandro

    “SU LA TESTA”
    Vincemmo la battaglia sull’IMU AGRICOLA
    Vinceremo quella sul GRANO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *