«

»

Giu 29

Stampa Articolo

Si è costituito il coordinamento dei sindaci del Metapontino contro la crisi agricola.

RETE DEI MUNICIPI RURALI
MOVIMENTO RISCATTO
ALTRAGRICOLTURA

Com. stampa 29/6/17

Si è tenuta ieri sera alle ore 18, come annunciato, l’incontro dei Sindaci del Metapontino convocato dalla Rete de Municipi Rurali. L’incontro di ieri sera era il primo atto successivo all’assemblea indetta dal Movimento Riscatto e da Altragricoltura il lunedi della scorsa settimana nella Sala Parrocchiale della Chiesa Madre di Policoro per discutere della gravissima crisi che sta colpendo l’agricoltura produttiva dell’area Jonica.

“Una crisi di modello che ha bisogno di interventi profondi e di riforme di sistema capaci di restituire reddito a chi lavora invertendo una china che al momento sembra inarrestabile segnalata da tutti gli indicatori economici e ambientali” aveva sostenuto Gianni Fabbris nell’assemblea tenuta dieci giorni fa a Policoro.

Una crisi che per essere affrontata ha bisogno del coinvolgimento di tutti i soggetti sociali, i cittadini, le imprese, i tecnici e i soggetti politici e istituzionali in uno sforzo inedito che torni a porre il tema della nuova Riforma Agraria di cui abbiamo urgentemente bisogno dopo che, esaurita la spinta degli anni della Riforma Fondiaria, il nostro sistema agroalimentare è entrato in una crisi di senso e di prospettiva cosnegnandoci enormi problemi sociali (impoverimento delle famiglie rurali e coinvolgimento al ribasso di tutto il sistema sociale delle comunità rurali), economici (indebitamento e ricorrenti crisi di mercato), ambientali (cattivo sfruttamento dei suoli e dell’acqua, inquinamento, perdita di fertilità).

A questa crisi non c’è soluzione “tecnica” ma occorre la consapevolezza diffusa e la condivisione di un progetto di cui la politica e gli attori economici e sociali devono assumere piena responsabilità. I sindaci, nel loro ruolo di rappresentanti delle comunità, possono e devono diventare il punto di aggregazione e di riferimento per un processo di mobilitazione delle forze. Per sostenere questi obiettivi, sulla scorta della vittoriosa mobilitazione contro l’IMU agricola, è nata due anni fa la Rete dei Municipi Rurali (associazione promossa dal Movimento Riscatto che associa imprese, associazioni, movimenti, enti di ricerca e Comuni e di cui il Sindaco di Gravina in Puglia è coordinatore del Tavolo Nazionale dei Municipi Rurali).

Con questo approccio, nella riunione di ieri sera, si sono confrontati i Sindaci di Policoro (Enrico Mascia), di Scanzano Jonico (Raffaello Ripoli), di Montalbano Jonico (Piero Marrese), di Tursi (Salvatore Cosma), di Rotondella (Vito Agresti), il Vicesindaco e assessore all’agricoltura di Pisticci (Maria Grazia Ricchiuti) e per il Comune di Nova Siri l’Assessore Nicola Melidoro. All’incontro, introdotto da Gianni Fabbris, ha partecipato una delegazione del Movimento Riscatto, il coordinatore di Altragricoltura del Metapontino Mimmo Prencipe, il coordinatore del Soccorso Contadino Avvocato Antonio Melidoro, Giuseppe Giordano per l’UGL ed alcuni rappresentanti di imprese del territorio.

Unanime è stato il benvenuto al neosindaco di Policoro, Enrico Mascia, investito dell’auspicio che proprio dal Comune di Policoro venga il segnale importante di una forte assunzione di responsabilità nel sostenere le iniziative comuni contro la crisi agricola.

Nell’incontro (durato due ore) sono state anche analizzate alcune delle più importanti urgenze dell’area cui, evidentemente, bisogna avere risposte immediate per evitare ulteriori danni al tessuto produttivo dell’agroalimentare lucano e metapontino già fortemente compromesso. Fra tutte l’emergenza della questione idrica per cui è stata sottolineata la necessità di avere assoluta trasparenza su quanto sta accadendo per cui la riunione ha deciso di chiedere a nome del Coordinamento dei Sindaci del Metapontino contro la crisi agricola un incontro urgente per capire cosa e come il Presidente della Regione (che ha garantito il suo personale impegno) intende intervenire per assicurare la disponibilità di acqua ai nostri produttori.

Più di uno dei presenti ha sottolineato, sulla questione, come da tutti i comuni dell’area si susseguono le segnalazioni di aziende di mancanza o scarsità d’acqua (con il rischio grande di perdere le colture delle ortive in corso) mentre dagli organi di gestione arrivano assicurazioni sul fatto che non ci sarebbe “un’emergenza”. “Serve chiarezza” hanno detto tutti i presenti e, conseguentemente, la riunione ha assunto la decisione di chiedere già nella giornata di oggi un incontro urgente al Presidente Pittella per capire cosa sia accadendo.

Altre urgenze su cui la riunione si è concentrata sono state, fra l’altro, quella del crollo dei prezzi al campo e dei redditi degli orofrutticoltori, quella delle difficoltà di mercato e dell’assenza di strumenti antitrust e di controlli nell’applicazione delle regole commerciali, quella del peso di gabelle come gli oneri pretesi dal Consorzio di Bonifica (vedi Eipli) a fronte di servizi inefficaci. L’Avvocato Melidoro per il Soccorso Contadino ha dato conto delle iniziative in corso per predisporre la denuncia all’Antitrust ed alla Procura della Repubblica sullo stato delle relazioni commerciali nel Metapontino e Fabbris ha spiegato come quello di una denuncia potrebbe essere un terreno di iniziativa larga e diffusa su cui coinvolgere proprio il territorio al pari dell’obiettivo di aprire con le Fondazioni Antiusura uno sportello Antiracket e Antiusura nel territorio.

Al termine dell’incontro che, dunque, ha sviluppato il confronto in una discussione fra obiettivi strategici e di lungo periodo e la necessità di dare risposte urgenti ai nostri agricoltori, sono state assunte una serie di decisioni.

La più importante: si costituisce il Coordinamento dei Sindaci del Metapontino per la Difesa dell’Agricoltura con l’obiettivo di mobilitare in un processo inclusivo le forze sociali, culturali, sindacali, economiche, civili e politiche del territorio e di aprire con la politica regionale e nazionale il confronto per le risposte alla crisi drammatica in atto. Entro lunedi verrà redatto e condiviso il documento costitutivo che verrà presentato in conferenza stampa al Comune di Policoro e, nei dieci giorni successivi, si terrà a Montalbano una prima iniziativa di mobilitazione di zona.

Il Coordinamento dei Sindaci aderisce alla Rete dei Municipi Rurali e promuove fin da subito una serie di iniziative volte al coinvolgimento di tutti gli attori di territorio anche con l’obiettivo di collegarsi alle esperienze di altre aree in crisi dell’agricoltura meridionale che si stanno coordinando proprio nella Rete dei Municipi Rurali. Una delegazione del Metapontino, quindi, parteciperà sabato mattina 31giugno all’incontro della Rete dei Municipi Rurali ad Acate (Ragusa) dove i sindaci della fascia trasformata del Ragusano si sono dati appuntamento per rilanciare le richieste già assunte con delibere dei giorni scorsi. Sarà l’occasione di ricambiare la presenza dei movimenti e dei sindaci siciliani in mobilitazione contro la crisi che in più occasioni in questi ultimi mesi sono venuti nel nostro territorio e per concordare ulteriori passaggi nello sforzo di chiedere alle Regioni Meridionali, al Parlamento ed al Governo quelle risposte che ancora non arrivano.

Info a approfondimenti:

documento del comune di Vittoria contro la crisi rurale: clicca qui

scheda di presentazione della Rete dei Municipi rurali: clicca qui

documento fondativo della rete dei municipi rurali: clicca qui

 

Foto dell’incontro.

Permalink link a questo articolo: http://riscatto.info/regioni/basilicata/riscatto/si-e-costituito-il-coordinamento-dei-sindaci-del-metapontino-contro-la-crisi-agricola/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *